ROSANNA COTUGNO sabato 17 novembre 2018 Login

Riduci 
   
 
 
RiduciLe opere di ROSANNA COTUGNO
   

 

CotugnoIl_tempo_delloblio.jpg

Il tempo dell'oblio

olio su tela cm 100 x 100

 

CotugnoLimmorale_colta_.jpg

L'immorale colta

olio su cartone telato cm 50 x 70

 

 

CotugnoIndifferenza.jpg

Indifferenza

olio su tela cm 50 x 100

 

 

CotugnoRimembranze.jpg

Rimembranze

olio su cartone telato cm 50 x 70

CotugnoMetamorfosi.jpg

Metamorfosi

olio su tela cm 50 x 70

 

 

CotugnoDesiderio.jpg

Desiderio

olio su tela cm 100 x 100

 

 
 
RiduciLa sua Biografia
   

Rosanna Cotugno, nasce nella Provincia di Taranto, ma vive e lavora a Torino.

 

Il percorso formativo la allontana dalla sua grande passione per l’arte che nutre sin da bambina. Inizia molto presto a dipingere da autodidatta, stimolata dalla creatività e da una continua necessità di espressione utilizzando un linguaggio totalmente nuovo dando sfogo alla fantasia, forme e colori diventano l’immagine della sua conoscenza.

Il desiderio di perfezionamento incomincia a diventare essenziale per poter adottare nuove espressività artistiche, da qui l’alternarsi fra corsi di disegno e pittura in numerosi atelier d’artisti in Torino.

l’immensa lettura e lo studio sull’arte moderna sui maggiori autori contemporanei, l’aiuta a dare una decisa svolta alla sua pittura, approfondendo nuove tecniche ed innovazioni artistiche, permettendo in questo modo alla personalità dell’artista di emergere con decisione nelle sue opere.

 

 
 
RiduciLa Critica
   

 Rosanna Cotugno incarna lo spirito del nostro tempo con opere inquietanti, disilluse, estreme, ma mai oltre il senso dell’uomo, oltre il rispetto dell’esistenza. Suo linguaggio guida è il colore, sempre intenso, velato, trafitto da luce e non poteva essere che l’uomo a diventare protagonista dei suoi lavori. Opere che indagano nell’essenza dello spirito e della vita, forse per questo così vicine al cuore dell’osservatore che viene investito da un “Ardente palpito”, come recita il titolo di un suo dipinto, al cospetto di tale forza espressiva. La presenza dell’essere è solamente indicata da una ricerca volumetrica e formale che lascia trasparire  il segno che delimita il dentro e il fuori, il vero dell’immaginato, il reale dall’irreale.

Sono opere che denunciano l’indifferenza, il tormento, l’oblio di oggi come di ieri di una società che annaspa e si contorce nella speranza di un mondo migliore, di uno stato d’animo collettivo che lasci spazio alla speranza e alla serenità. Rosanna Cotugno delega alla fantasia il compito di immaginare una scena, di costruire la quinta teatrale di questi suoi universi che sembrano abitare un palcoscenico, un’opera kafkiana, ricordata anche dal titolo di un lavoro, “Metamorfosi” appunto, in cui l’apparire non corrisponde al reale, ma ad uno stato onirico, di sogno, o, più spesso, di incubo. Come spesso accade per gli artisti, sulla tela rimane la loro anima svelata, indifesa, pura e quella di Rosanna Cotugno ci racconta una storia pregna di sensibilità e amore, di paure umane e tormenti universali. Per questo ogni suo quadro è un po’ anche il ‘nostro’ quadro, la nostra vicenda in cui riconoscersi e, se possibile, riscattarsi alla vita.

Elisa Bergamino

 

 
 
RiduciPer contattarla
     
 
Dichiarazione per la Privacy Condizioni d'Uso Convenzioni HOME PAGE Galleria d'Arte MEGA ART CHI SIAMO - WHO WE ARE PICCOLO FORMATO SMALL SIZE VIDEO E CATALOGHI
Copyright (c) 2000-2006