GENNARO BARCI mercoledì 26 settembre 2018 Login

Riduci 
     
 
RiduciLe opere di GENNARO BARCI
   

 



Un bacio rubato

smalti su metacrilato

enamels on acrylic glass

cm 50x25x35m  


 

 

 

 



La metamorfosi di un dolore

smalti su metacrilato

enamels on acrylic glass

cm 25x65x65

 







La via del perdono

smalti su metacrilato

enamels on acrylic glass

 cm 20x70x70



La legge mistica

smalti su metacrilato

enamels on acrylic glass

cm 56x25x20



L'arciere

smalti su metacrilato

enamels on acrylic glass cm 40x12x35


 




Una nuova vita

smalti su metacrilato

enamels on acrylic glass cm 50x70x60

 

 

 
 
RiduciLa sua Biografia
   

Inizio a dipingere nel 2006.
L'arte diventa subito il mezzo con cui posso dare sfogo a sensazioni ed emozioni particolari e complesse, tipiche della mia natura giovanile: scaglio colori come fossero pugni su un sacco da boxe e poi carta, chiodi, tessuti, plastica…
Uso tutto ciò che ho tra le mani e continuo così per circa un anno.

Le cose cambiano quando, tra un lavoro e l'altro, comincio a notare strani effetti nei colori: mi rendo conto che, colando due o più smalti liquidi su un supporto piano, questi si mescolano tra loro prendendo vita propria.
Ne resto così affascinato che decido di fermarmi ad analizzarne l’esito estetico e ad approfondire i processi d’interazione tra i colori. Inoltre, mi rendo conto che molti lo notano, ma quasi nessuno si ferma a studiarne i meccanismi. Non ha un nome, decido di chiamarlo blending e con il tempo imparo a controllarlo.
Intanto l’arte diventa il mio modo di condividere le mie esperienze, dare forma ai miei pensieri e indagare gli aspetti profondi della psiche. Il blending diventa il linguaggio attraverso cui posso raggiungere il mio mondo interiore.
Lavorando su un supporto trasparente come il metacrilato mi accorgo che sul fronte, il lato dove sto lavorando, il colore si mescola, mentre sul retro del materiale medesimo il primo istante del processo creativo resta comunque impresso.
Nel caso di un quadro, questo acquisisce due facce che, con l’intervento del calore, posso modellare sino a fargli guadagnare la tridimensionalità della scultura.
Pubblico i primi scritti sulla mia ricerca nel 2011 nel volume "Il Metaformismo", edito da Mondadori e redatto dalla Prof.ssa Giulia Sillato. Nel 2014, dopo un’esperienza di anni, di studi e di confronto con l’indagine critica sulla "metaforma", la mia ricerca approda alla "Seconda Forma".
Con essa oggi affronto i temi più svariati, pur concentrando la mia attenzione su concetti che si riferiscono per lo più ai segreti della natura umana e all'origine nascosta dell'esistenza.

 

ENGLISH VERSION

I've started painting in 2006.
Through art I could give vent to particular and complex emotions, typical of my youthful nature: I threw colors as they were punches given to a punching bag and then I employed paper, nails, textiles and plastic.
I used everything I had in my hands for about a year, but gradually things changed. I began to perceive strange effects in colors: I realized that by pouring two or more enamels on an even support, they blended together, taking on a life of its own.
I was attracted by this process and I understood that people perceived it as much as I did, but almost nobody analyzed it. For this reason, I decided to examine in depth the interaction between colors and the aesthetic result, giving it a name: I've called it blending and by the time I've learned how to control it.
Meanwhile, art has helped me to share my experiences, shape my thoughts, inspect the deeper aspects of the psyche and blending has become the way I reach my inner world.
Employing a transparent material called “methacrylate”, I've noticed a strange thing: colors have blended together on the front of the support, but the very first moment of the creative process has remained imprinted only on its back.
Therefore, the support has seemed to be a two faces-painting, but with the help of heat, I could shape it, giving it the three-dimensionality of sculpture.
In 2011, I published my researches about blending in a book titled “Il Metaformismo”, edited by Mondadori and written by professor Giulia Sillato. In 2014, after a period of experiences, studies and comparisons with the critical survey on 'meta-form', my research culminated in Seconda Forma (literally “Second Form”).
Seconda Forma helps me to deal with various topics and to focus attention on concepts related to the secrets of human nature and the hidden origin of existence

 
 
RiduciSulla sua Arte
   

LA SECONDA FORMA
Cosenza, 28 giugno 2014
L’Arte ha sempre avuto un proprio tempo, è sempre stata l’immagine di sentimenti che scaturiscono da precisi momenti storici e culturali. Oggi, per una serie di svariate ragioni, le arti della pittura e della scultura non hanno più l’importanza che la storia ha sempre riconosciuto ad esse, perché l’artista è divenuto consapevole del fatto che l’odierna fruizione di un’opera d’arte, con le relative modalità mediatiche, tenda ad eludere il suo messaggio ideale.
Il fruitore di oggi, infatti, tende a sottrarsi all’impegno interpretativo e vuole confrontarsi con esperienze chiare e dirette. Così l’Arte va perdendo colori e tecniche, trasformandosi in performances, installazioni e in qualsiasi tipo di realtà espressiva che faccia interagire l’artista direttamente con l’ambiente… oltre il quadro, oltre la scultura.
La pittura e la scultura possono essere ripristinate nelle loro funzionalità estetiche ed etiche, assolutamente imprescindibili dal valore dell’uomo, solamente se non seguono strade separate, perché solo insieme aiuteranno l’essere umano ad entrare dentro i misteri della sua esistenza.
Posto che l’Arte debba poter dialogare con un’Entità superiore attraverso i mezzi materiali che noi stessi approntiamo nella nostra vita quotidiana, la pittura da sola si risolve in soluzioni eteree poco percepibili dall’uomo contemporaneo mentre, a sua volta, la scultura da sola, in quanto nasce da materia terrena, si risolve in soluzioni più concrete e immediate alla percezione reale.
Credo sia necessario, sì, arrivare al mistero dell’Essere attraverso il colore ma poi occorre plasmarlo per dargli forma concreta. Solo così è possibile rendere tangibile la bellezza e la grandiosità del Creato.
Da qui la nascita della Seconda Forma, ossia la forma della non forma: è l’invisibile che diventa visibile… è la prova tangibile dell’esistenza di qualcosa di Superiore. Per cominciare è necessaria una fase di  personalizzazione dell’atto creativo in modo da dare libero corso alle emozioni che, strappate dal profondo in un momento di estasi, riescano ad imprimersi su un supporto pittorico anche senza una forma immediata.
Seguirà una seconda fase in cui si elimina il superfluo e si esalta l’essenziale: è il momento della scultura che dà forma conclusiva alla creazione riportandola sul piano fisico.
La Seconda Forma rende comprensibili concetti ritenuti impenetrabili e favorisce l’afflusso delle sensazioni più immediate.
Dinanzi all’opera finita lo spettatore può superare i limiti della mente, ristabilire il rapporto con la propria spiritualità, riportando se stesso a uno stato primordiale e incontaminato. L’opera pittorica acquisisce così una terza dimensione e conquista lo spazio, divenendo “luce”, “risveglio”, “estasi”.

ENGLISH VERSION

Art has always had its own period and it has always been the representation of feelings arisen from specific historic and cultural periods. But, today, things are changed: painting and sculpture haven't the importance they had previously. It happens because the employment of modern forms of media eludes the ideal message of a work of art.
Current user doesn't like interpret anything. He likes just confront with clear and direct experiences.
For this reason, art has lost colors and techniques and it has turned into performances, installations and similar realities. In other words, the artist has started integrating with the surrounding environment, going beyond painting and sculpture.
It will be able to reactivate aesthetic functions of painting and sculpture only if they operate together. In this way, they will help human being to enter into the mysteries of his existence.
Art needs to have a confrontation with a Higher Entity through materials that we use in our daily life. Painting by itself can provide ethereal solutions hardly perceivable by modern man; on the contrary,
sculpture offers the most concrete and immediate ones, because it originates from earthly matter.
It is necessary to get to the mystery of Being through color, but it is needed also mold and give it a concrete form. This is what make touchable the beauty and grandeur of Creation.
Hence the birth of Seconda Forma (literally “Second Form”), or rather the form of the non form: it is the invisible that become visible; the tangible proof that something superior exists. At first, the creative act has to be depersonalized in order to release emotions, tearing them out from an ecstatic moment. In this way, emotions will be able to imprint themselves on a pictorial support, even without a direct form.
In the second phase of this process unnecessary is removed and essential is exalted: this is the time of sculpture, which gives conclusive form to creation, on a physical level.
Seconda Forma helps to make comprehensible some impenetrable concepts and promotes influx of immediate sensations.
Standing before the finished work, the spectator can go beyond limits of the mind and restore relationship with his own spirituality, by bringing himself to a primordial and pure state. Painting acquires a third dimension and conquers space, becoming “light”, “awakening”, ““ecstasy”.

 
 
RiduciIl Curriculum
   

Rassegne espositive:
2015
- Polo Museale Civico Diocesano, Sulmona (AQ) – a cura di Vittorio Sgarbi e Gaetano Pallozzi
- EXPO Gate, Milano (MI) – a cura di Giulia Sillato – Catalogo G. Mondadori
- Palazzo dei Giureconsulti, Milano (MI) – a cura di Giulia Sillato – Catalogo G. Mondadori
2014
- Palazzo Orti Manara, Verona(VR) – a cura di Giulia Sillato
- Art Hub Liwa, Abu Dhabi (UAE) – a cura della Galleria
- Chiostro del Bramante, Roma (RM) - a cura di Giulia Sillato - Catalogo G. Mondadori
- Museo del Presente, Rende (CS) – a cura del Museo
2013
- Palazzo Dei Capitani del Lago, Malcesine (VR) - a cura di Giulia Sillato - Catalogo Mazzotta
2012
- Galata Museo del Mare, Genova (GE) - a cura di Giulia Sillato - Catalogo Mazzotta
- Palazzo della Gran Guardia, Verona (VR) - a cura di Giulia Sillato - Catalogo G. Mondadori
- Palazzo Comunale E. Gagliardi (VV) - a cura di Giorgio Di Genova - Catalogo Rubbettino
2011
- Itaca Gallery, Verona (VR) - a cura di Giulia Sillato
- Giardino di Palazzo Corvaja, Taormina (ME) - a cura di Giuseppe Filistad
- Museo Magma, Roccamonfina (CE) - a cura di Paolo Feroce
- Fondazione Luciana Matalon - Milano (MI) - a cura di Giulia Sillato - Catalogo G. Mondadori
2010
- Museo Civico d'Arte Contemporanea, Acri (CS) - a cura di Luigi Tallarico
- Museo di Trebisacce, Trebisacce (CS) - a cura di Luigi Tallarico
- Complesso provinciale Santa Chiara, Cosenza(CS) - a cura di Luigi Tallarico
- Museo Magma, Roccamonfina (CE) - a cura di Paolo Feroce
- Palazzo dei Congressi, Roccamonfina (CE) - a cura di Paolo Feroce
- Castello di Grobnik, Fiume (RI), Croazia - a cura di Adelinda Allegretti
- Centro Congressi Medioevo, Olgiate Comasco (CO) - a cura di Adelinda Allegretti
2009
- Palazzo dei Sette, Orvieto (TR) - a cura di Adelinda Allegretti
- Museo MAUI, Caserta (CE) - a cura di Paolo Feroce
- Complesso Monumentale del Belvedere di S. Leucio, Caserta (CE) - a cura di Roberto Ronca
- Palazzo dei Congressi, Roccamonfina (CE) - a cura di Paolo Feroce
- Castello Ruffo, Scilla (RC) - a cura del Centro Culturale Hesperia
- Museo Civico Umberto Mastroianni, Marino (RM) - a cura di Adelinda Allegretti
- Primo Piano Living Gallery, Lecce (LE) - a cura di Dores Saquegna
- Atahotel Varese Business & Resort****, Varese (VA) - a cura di Adelinda Allegretti
2008
- Galleria Hesperia, Pomezia (RM) - a cura del Centro Culturale Hesperia
- Biblioteca Comunale, Belmonte Calabro (CS) - a cura di Miriam Peluso
Bibliografia essenziale:
2015
- “L'arte e il tempo”, Editoriale Giorgio Mondadori
- “Catalogo dell’Arte Moderna n° 51”, Editoriale Giorgio Mondadori (di prossima pubblicazione)
2014
- “L’arte Contemporanea nelle antiche dimore 29^ Edizione”, Mazzotta Editore
- “Catalogo dell’Arte Moderna n° 50”, Editoriale Giorgio Mondadori
- “Percorsi d’Arte, Arte oggi in Italia”, a cura di E. Le Pera (testi di Toti Carpentieri, Teodolinda
Coltellaro, Giorgio Di Genova, Ghislain Mayaud), Rubbettino Editore
2013
- “L’arte Contemporanea nelle antiche dimore 28^ Edizion.e”, Mazzotta Edtore
- “Catalogo dell’Arte Moderna n° 49”, Editoriale Giorgio Mondadori
2012
- “L’arte Contemporanea nei Civici Musei - 2^ Edizione”, Mazzotta Editore
- “Premio Limen Arte - IV Edizione”, Rubbettino Editore
- “Il Metaformismo Vol. II”, Editoriale Giorgio Mondadori
- “Catalogo dell’Arte Moderna n° 48”, Editoriale Giorgio Mondadori
2011
- “Il Metaformismo Vol. I”, Editoriale Giorgio Mondadori
- “Catalogo dell’Arte Moderna n° 47”, Editoriale Giorgio Mondadori

ENGLISH VERSION

2015
- Polo Museale Civico Diocesano, Sulmona (AQ), Italy – curated by Vittorio Sgarbi and Gaetano
Pallozzi
- EXPO Gate, Milan (MI), Italy – curated by Giulia Sillato
- Giureconsulti Palace, Milan (MI), Italy – curated by Giulia Sillato – G. Mondadori Catalogue
2014
- Orti Manara Palace, Veron (VR), Italy - curated by Giulia Sillato
- Art Hub Liwa, Abu Dhabi, UAE – curated by the Gallery
- Chiostro del Bramante, Rome (RM), Italy - curated by Giulia Sillato - G. Mondadori Catalogue
- Museo del Presente, Rende (CS), Italy – curated by the Museum
2013
- Capitani del Lago Palace, Malcesine (VR), Italy – curated by Giulia Sillato – Mazzotta Catalogue
2012
- The Galata Museo del Mare, Genoa (GE), Italy – curated by Giulia Sillato – Mazzotta Catalogue
- Gran Guardia Palace, Veron (VR), Italy – curated by Giulia Sillato - G. Mondadori Catalogue
- E. Gagliardi Palace, Vibo Valentia (VV), Italy – curated by Giorgio Di Genova – Rubbettino
Catalogue
2011
- Itaca Gallery & Tavella Archive, Veron (VR), Italy – curated by Giulia Sillato
- Corvaja Palace's Garden, Taormina (ME), Italy - curated by Giuseppe Filistad
- Magma Museum, Roccamonfina (CE), Italy - curated by Paolo Feroce
- Luciana Matalon Foundation - Milan (MI), Italy – curated by Giulia Sillato - G. Mondadori Catalogue
2010
- Civic Museum of Contemporary Art, Acri (CS), Italy - curated by Luigi Tallarico
- Trebisacce Museum, Trebisacce (CS), Italy - curated by Luigi Tallarico
- Santa Chiara Palace, Cosenza (CS), Italy - curated by Luigi Tallarico
- Magma Museum, Roccamonfina (CE), Italy - curated by Paolo Feroce
- Congressi Palace, Roccamonfina (CE), Italy - curated by Paolo Feroce
- Grobnik Castle, Fiume (RI), Republic of Croatia - curated by Adelinda Allegretti
- Medioevo Congress Center, Olgiate Comasco (CO), Italy - curated by Adelinda Allegretti
2009
- Palazzo dei Sette, Orvieto (TR), Italy - curated by Adelinda Allegretti
- MAUI Museum, Caserta (CE), Italy - curated by Paolo Feroce
- S. Leucio Monumental Complex, Caserta (CE), Italy - curated by Roberto Ronca
- Congressi Palace, Roccamonfina (CE), Italy - curated by Paolo Feroce
- Ruffo Castle, Scilla (RC), Italy – curated by Hesperia Cultural Centre
- Umberto Mastroianni Civic Museum, Marino (RM), Italy - curated by Adelinda Allegretti
- Primo Piano Living Gallery, Lecce (LE), Italy - curated by Dores Saquegna
- Atahotel Varese Business & Resort****, Varese (VA), Italy - curated by Adelinda Allegretti
2008
- Hesperia Gallery, Pomezia (RM), Italy - curated by Hesperia Cultural Centre
- Civic Library, Belmonte Calabro (CS), Italy - curated by Miriam Peluso
Main References:
2015
- L'arte e il tempo, Giorgio Mondadori Editore
- Catalogo dell'Arte Moderna N. 51, Giorgio Mondadori Editore
2014
- L'arte contemporanea nelle antiche dimore. 29ª edizione, Mazzotta Editore
- Catalogo dell'arte moderna N. 50 , Giorgio Mondadori Editions
- Percorsi d'arte in Italia, curated by E. Le Pera (texts by Toti Carpentieri, Teodolinda Coltellaro,
Giorgio Di Genova, Ghislain Mayaud), Rubbettino Editore
2013
- L'arte contemporanea nelle antiche dimore. 28ª edizione, Mazzotta Editore
- Catalogo dell'Arte Moderna N. 49, Giorgio Mondadori Editore
2012
- L'arte contemporanea nei civici musei. 2ª edizione, Mazzotta Editore
- Premio Limen Arte – IV edizione, Rubbettino Editore
- Il Metaformismo, Vol. II, Giorgio Mondadori Editore
- Catalogo dell'Arte Moderna N. 48, Giorgio Mondadori Editore
2011
- Il Metaformismo, Vol. I, Giorgio Mondadori Editore
- Catalogo dell'Arte Moderna N. 47, Giorgio Mondadori Editore

 

 
 
RiduciPer contattarlo
   

info@gennarobarci.com

Lo Studio:  Via Alimena 92, 87100 Cosenza (CS)
Tel: +39 344 2806996

 

 
 
RiduciSito personale
     
 
Dichiarazione per la Privacy Condizioni d'Uso Convenzioni HOME PAGE Galleria d'Arte MEGA ART CHI SIAMO - WHO WE ARE PICCOLO FORMATO SMALL SIZE VIDEO E CATALOGHI
Copyright (c) 2000-2006