MIRELLA BASTELLI galleria 1 giovedì 24 maggio 2018 Login

Riduci 
     
 
Riduci 
     
 
RiduciLe opere di MIRELLA BASTELLI
   

 

Unità

creta bianca refrattaria  h  cm 120

 

 

 

Attesa

creata mista patinata cm 28x18x36

 

 

Risveglio - visione laterale

creata nera cm  30x14x23

 

 

Risveglio

creata nera cm  30x14x23

 

Terrra

creta refrattaria patinata cm 27 / 18

 

 

Terra - particolare

creta refrattaria patinata cm 27 / 18

 

 

 
 
RiduciLa sua presentazione
   

Presentarmi non è facile perché penso che il risultato possa parlare da sé…  ciò che posso dire è che l’inquietudine degli anni giovanili è via, via diventata nel tempo, ricerca di Conoscenza.  
Una ricerca che ha guidato i miei passi lungo sentieri psicologici, filosofici, artistici e spirituali. 
Tutte le espressioni creative che ho esplorato, dal linguaggio della musica a quello delle parole e, oggi, nel dare forma alla materia grezza, mi hanno reso consapevole di quanta ricchezza possa esserci nell’operare senza fini né scopi ma per la sola gioia di donarsi all’atto creativo.
Penso infatti che l’arte non sia rendere fine a se stesso l’oggetto creato ma, sempre e comunque un “muovere lo sguardo dall’oggetto e volgerlo a sé” in una ricerca appassionata e verace dell’Armonia e della Bellezza che c’è in ognuno di noi… sebbene tenacemente si faccia di tutto per non volerle vivere

 
 
RiduciLa sua critica
   

L'amicizia ci dona il privilegio della conoscenza, a volte la possibilità di guardare dentro quei misteri che avvolgono la nascita dell'opera di un artista. La mia amicizia con Mirella risale agli anni
della giovinezza trascorsi insieme nelle aule del Conservatorio di S. Cecilia, dove i Maestri si preoccupavano di istruirci al bello, di affinare la nostra sensibilità nei confronti dell'arte.
Le intense esperienze di quegli anni e le comuni radici musicali mi suggeriscono una chiave di interpretazione delle sue sculture. Ovviamente non posso parlare dei lavori di Mirella con il linguaggio dei critici ma proprio da lei ho appreso come il rapporto dell'artista con la materia non debba necessariamente risolversi in un dettato di critica professionale. Non mi ha mai parlato di Scuole o di indirizzi culturali, di arte metafisica o di realismo, di tecniche tradizionali o di avanguardia. Il suo cammino di artista è caratterizzato da una naturalezza che dona alle sue opere un carattere di fondamentale spontaneità. Condizione assoluta del suo lavoro è la ricerca del concreto umano, non costringe la materia ma l'asseconda, l'accarezza dandole vita prima ancora di trasformarla in figura. Significativa la scelta della materia, povera e ricca allo stesso tempo, morbida ma compatta, duttile a tutte le venature necessarie ad assecondare l'idea dell'artista.
Curve femminili che ricordano il miracolo di una creatività dolce e continua, creature d'amore fisse in uno sguardo lontano, quasi assente, volti seri e impenetrabili, come schiacciati da una pensosità di tempi lontani, figure del mondo animale forti e massicce, vasi leggiadri e colorati. Tutto questo è Mirella, con le sue figure che raccolgono e smorzano la luce entro contorni definiti e che trasmettono  una potente umanità. In realtà il soggetto non è che un pretesto per porsi di fronte al giusto equilibrio tra massa e vuoto,  ritmo e stasi.
Vi è in lei, inoltre, una cura artigianale per l'opera, rifinita fin nel più piccolo dettaglio fino a formare un linguaggio di potenza, di sensibilità e di armoniosa delicatezza.
Dalla sua opera traspare l'armonia che si riscontra anche nel suo modo di essere, nei suoi rapporti di
amicizia, nel suo amore per la natura, nel suo coinvolgimento in altre forme d'arte, la musica e la poesia su tutte.
Prof.  Eugenio De Rosa
 

 
 
RiduciPer contattarla
     
 
RiduciIl suo sito personale
     
 
Dichiarazione per la Privacy Condizioni d'Uso Convenzioni HOME PAGE Galleria d'Arte MEGA ART CHI SIAMO - WHO WE ARE PICCOLO FORMATO SMALL SIZE VIDEO E CATALOGHI
Copyright (c) 2000-2006