Renzo Verdone domenica 21 gennaio 2018 Login

RiduciLinks
   
 
 
RiduciI nostri ARTISTI
     
 
RiduciLe opere di RENZO VERDONE
   

 

esplorando la propria solitudine  ol e incisione.jpg

Esplorando la propria solitudine
olio e incisione su tavola cm 40 x 30
 
una nuvola vela il tuo volto  ol e incisio su tela 40 40.jpg
Una nuvola vela il tuo volto
olio e incisione su tavola cm 40 x 40
 

 

i sensi della deriva   ol e incisione su tav 18 x 24.jpg
I sensi della deriva
olio e incisione su tavola cm 18 x 24
 
 
 
ecco mormorar le onde   ol e inc su tavola 18 x 24.jpg
Ecco mormorar le onde
olio e incisione su tavola cm 18 x 24
 
 
RiduciLa Biografia
   

Renzo Verdone nasce a Roma, giovanissimo lascia l'Italia e matura la sua preparazione artistica a stretto contatto con i gruppi sperimentali delle Gewerbeschuie di Berna e di Zurigo, ove compie accurati studi di ricerca figurativa, scultura e nudo. Perviene ad un grado di sintesi in cui tensione spirituale e situazione umana si contrappongono dinamicamente in una visione che presenta palpiti di tenera umanità e sensazioni di raffinato ed impietoso verismo.Tornato in Italia, consegue il diploma all'Accademia di Belle Arti.

Inizia una intensa attività artistica, frequentando l'ambiente culturale della Capitale. Presenta opere che affrontano il tema della condizione umana e i problemi politico-sociali del momento.

Sue opere figurano in collezioni pubbliche e private. I numerosi premi e riconoscimenti conseguiti, testimoniano la validità ed il continuo rinnovarsi dell'uomo e dell'artista

 

 

 
 
RiduciLa Critica
   

Frammenti

La violenza drammatica delle sue figure raccontava la disperazione e la rabbia di una generazione. Quegli occhi sperduti, stanchi e vuoti. E poi quelle mani, quelle terribili mani nodose che erano parte essenziale nei suoi dipinti. La sua pittura, scavando nell'animo ci rilevava quello che inconsciamente ci nascondevamo: 'infinita sete di luce.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Leo Valeriana

Pittore estremamente drammatico, con tanta autorità e meriti tenacemente acquisiti, è entrato nel contesto dell'Arte Contemporanea. Robusto, penetrante, vivo, valido e interessante, realizzato sotto l'intima spinta dei sentimenti che predominano e lo guidano con fantasia realistica ed umana. 

                                                                                                                                                                                                                                                                                            Gino Vlahovich

Le parentele della sua arte vanno certamente cercate in un certo tipo di espressionismo addolcito,  vorremmo dire  latineggiante.  Egli crea il suo mondo frammento per frammento con l'unico denominatore di una tecnica raffinatissima, di una abilità di disegno consumata e, soprattutto, con una seria e profonda ricerca compositiva.              

                                                                                                                                                                                                                                                                                             Toni Bonavita

Egli è capace di abbandoni poetici ed umani. Depositario di sentimenti e di slanci, avverte le nefandezze che si perpetrano in nome dei falsi ideali e si produce nel tentativo di smascherare gli idoli di gesso, di demolire i totem secolari praticando un esercizio rischioso ed ingrato: la trasmutazione dei sentimenti e delle speranze.                      

                                                                                                                                                                                                                                                                                               Alberto Scotti

Questa pittura, nata con un carattere di robuste aderenze coloristiche, è una lezione di stile; ha tocchi precisi nel disegno e nella tecnica. Verdone possiede il senso della vocazione dei soggetti.

                                                                                                                                                                                                                                                                                        Claudio Capuano

Ad una osservazione accorta si nota come la personalità dell'artista si immedesimi nell'immagine e nel personaggio quasi a scrutare interiormente gli animi e le emozioni trasmesse. Egli sfugge nella realtà dalla futile critica benevola e dall'effimera acquisizione di consensi, perché della pittura intende il valore assoluto.   

                                                                                                                                                                                                                                                                                         Benito Corradini

Nella sua fucina creativa, le immagini delle sue opere mi hanno trasportato in un mondo che avevo da tempo dimenticato, un mondo contrario ad ogni tipo di compromesso, un mondo in cui la nostra coesistenza non è altro che un problema d'amore e di fede, dove si cercano solo risposte.          

                                                                                                                                                                                                                                                                                        Pattino Tedeschi

Si può cogliere una espressione ricorrente di dolore, chiuso in una grande fierezza simile, nel suo chieder nulla, all'umiltà. Questo dolore ha la sola umiltà di esprimersi, nel volersi in qualche modo comunicare, ma senza la richiesta  esplicita  della  compassione,  paragonabile forse alla meravigliosa fierezza-umiltà di certe razze dell'Asia.                

                                                                                                                                                                                                                                                                                               Gianna Sarra

Descritti con tratti masacceschi ed ardite prospettive, i personaggi rivelano una soffe-renza che è più cosmica che individuale. E, quando la sofferenza è individuale, pare quasi che abbia parossismi divini. Nel vero Verdone, l'attuale, la tematica è più articolata, gli arditismi prospettici ricordano Mantegna. Quella che il Maestro usa  al visitatore è violenza,  una  violenza non generatrice di mostri ma di coscienza di sé.                             

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Ludo Salvi

La sua arte è grande: un linguaggio pittorico forte, vigoroso, sorretto da un travaglio poetico ed espressivo che ha i toni della classicità.

Temi pittorici che disvelano una potenza di scavo. C'è, anche dove è presente l'Eros sensuale, il presentimento del dolore, della morte, di Dio. Arte dura a sfondo reale. Con questo Maestro introverso, pensatore e poeta, con quest'arte matura e affinata siamo sul piano dei valori.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                

Mario Vitale

II fascino di queste opere non risiede in particolare in quanto descritto, ma, piuttosto, in "come" lo strumento pittorico divenga veicolo, attraverso le tonalità diffuse del colore, d'una poesia crepuscolare, talora venata di malinconia e rimpianto.

                                                                                                                                                                                                                                                                        Francesco Scialfa

 

 

 
 
Dichiarazione per la Privacy Condizioni d'Uso Convenzioni HOME PAGE Galleria d'Arte MEGA ART CHI SIAMO - WHO WE ARE PICCOLO FORMATO SMALL SIZE
Copyright (c) 2000-2006