VITO GIARRIZZO galleria 1 martedì 23 gennaio 2018 Login

Riduci 
     
 
Riduci 
     
 
Riduci 
     
 
Riduci 
     
 
Riduci 
     
 
Riduci Le opere di VITO GIARRIZZO galleria 1
   

 

 

Unbalence

tecnica mista su tela cm 100 x 100

 

 

Equilibrismi

tecnica mista su tela cm 80 x 140

 

 

Naufragio

tecnica mista su tela cm 90 x 90

 

Diver

tecnica mista su tela cm 100 x 100

 

 

 Luna nera - Luna bianca

tecnica mista su tela cm 100 x 100

 

Equilibro instabile

tecnica mista su tela cm 80 x 140

 

 
 
RiduciLa sua Biografia
   
 
Nasce a La Spezia il 6 marzo 1940, giovanissimo inizia ad appassionarsi al disegno e alla pittura e questo lo porta da subito a voler approfondire gli studi frequentando il Liceo Artistico di Carrara dove entra in contatto con le opere di Emilio Greco, Pericle Fazzini e Giacomo Manzù.
Con altri giovani artisti spezzini ( Pietro Bellani, Andrea Michi, Francesco Martera, e Francesco Vaccarone ) fonda alla fine degli anni ’50, il gruppo giovanile culturale e artistico “ Lionello Venturi “ e comincia a partecipare a mostre collettive a La Spezia e Sarzana .
Nel 1960 si iscrive all’Università degli Studi di Firenze dove, nel 1970 consegue la Laurea in Architettura . In questo periodo acquisisce le conoscenze tecniche, teoriche e pratiche, del fare architettura, con la guida di docenti come A. Libera, L. Quaroni, L. Benevolo, L. Savioli e Leonardo Ricci . Quest’ultimo lo indirizza nella ricerca e nella sperimentazione del visual design incoraggiandolo a sperimentare per un lungo periodo l’ “action painting” e l’informale .
Stretto è il connubio tra la sua professione di Architetto e la veste di Pittore ed è anzi il suo lavoro che lo conduce attraverso diverse ed importanti esperienze in Italia e all’estero :
i soggiorni in America Latina, Africa, Medio ed Estremo Oriente hanno influenzato profondamente la sua visione artistica.
Affiancando la professione di Architetto al “mestiere” di Pittore, espone dal 1961 ad oggi, in molteplici gallerie italiane e dell’America Latina.
Attualmente si dedica interamente al lavoro di Pittore, svolgendo la sua attività prevalentemente a Bologna, dove vive.
Influenzato dai grandi muralisti sudamericani, restano importanti ed evidenti le suggestioni del Surrealismo e della Metafisica . Attraversa le grandi correnti del Novecento Italiano ed Europeo, ma le rivisita in chiave del tutto nuova ed originale.
Conosce l’Arte, l’attraversa, l’assimila, ma ce la restituisce in modo sobrio ed impegnato.
Lontano dalle facili mode e tendenze della contemporaneità, la sua ricerca artistica lo guida verso un’arte più complessa e profonda, che si interroga sui grandi temi dell’esistenza.
Le inquietudini del mondo, il malessere del quotidiano, la corsa dell’Uomo verso irraggiungibili mete, lo conducono alla ricerca dell’Io, del suo essere : Uomo che si libera di infrastrutture e maschere per mettere a nudo le vere emozioni dell’anima umana .
Vito Giarrizzo scava nel profondo, nel mondo sommerso, scandaglia la natura e la mente dell’uomo per restituirci insolite visioni e verità nascoste .
I diversi interrogativi lo portano a rappresentare l’uomo sommerso in un universo parallelo, nella dimensione del sogno e di realtà inverosimili : la dimensione interiore .
Attraverso abili giochi prospettici, piani sfaccettati e ribaltati, libera immagini collocate in uno spazio senza tempo. Situazioni, forme al di là del tempo, forti ed eleganti allo stesso tempo si misurano e formano una geografia di simboli e valenze interiori.
E’ il luogo ed il tempo della mente, dei pensieri e dei ricordi, dei grandi interrogativi dell’Uomo e della vita .
Ed è questo suo continuo interrogarsi che lo pone lontano da facili collocazioni stilistiche o tendenze del tempo .
 
 
 
RiduciIl suo Curriculum
   
 
1961 – Circolo culturale “La Clessidra”
            La Spezia
1962 – Rassegna “Colori della Lunigiana”
            Sarzana
1966 – Circolo culturale “Brozzi”
            Firenze
1967 – Sala comunale
            Campi Bisenzio
1967 – Circolo culturale “Brozzi”
            Firenze
1967 – Galleria “Saletta di Mino”
            Fiesole (FI)
1968 – Circolo culturale “il Torrione”
            Firenze
1975 – Istallazione al
Festival Nazionale Unità
            Firenze ( Parco delle Cascine )
1976 – Istallazione al
Festival Provinciale Unità
            Firenze ( Parco delle Cascine )
1978 – Galleria “ Viva Mexico”
            Caracas ( Venezuela )
1980 – Galleria “Studio Tredici”
            La Spezia
1980 – 2° Biennale d’Arte Città di La Spezia
            La Spezia
1981 – Circolo culturale “La Strada”
            Roma
1982 – Galleria/Atelier “BELA”
            Perugia
1982 – Galleria “La Trinchera”
            Caracas ( Venezuela )
1986 – Centro Arti Visive Materiali/Immagini
            Perugia
1991 – Rocca di Bentivoglio
            Bazzano (BO)
1993 – Palazzo Comunale
            Rufina (FI)
1994 – Rassegna Internazionale Arti Visive
            Abbadia S. Salvatore (SI)
1995 – Sala Cramberry
            Scandicci (FI)
1995 – Rassegna Internazionale Arti Visive
            Abbadia S. Salvatore (SI)
1996 – Rassegna Internazionale Arti Visive
            Abbadia S. Salvatore (SI)
1997 – Ex Convento del Carmine
( Salone S.A.P. )
            Firenze
1997 – Biblioteca Malpighi ( Sala Benjamin )
            Bologna
2003 – Biblioteca Lame ( Quartiere Navile )
            Bologna
2007 – Art-Cafè “ZOE”
            Firenze
 
2008 – Biblioteca “ Casa di Kahola “
( Quartiere Navile )
            Bologna
2008 – Galleria Logos
            Roma
2008 – Galleria Lovetti Arte
            Ferrara
2008 – FORMA
            Bologna
2009ArteFiera Genova
            Galeria de Arte Gaudi ( Madrid )
Genova
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
RiduciPer contattarlo
     
 
Dichiarazione per la Privacy Condizioni d'Uso Convenzioni HOME PAGE Galleria d'Arte MEGA ART CHI SIAMO - WHO WE ARE PICCOLO FORMATO SMALL SIZE
Copyright (c) 2000-2006