CARLO MARIA GIUDICI   - Italy



                                                    CONTACTS info@carlomariagiudici.it           WEB SITE  www.carlomariagiudici.it




His Biography 



Biografia esposta durante la BIENNALE MILANO – International Art Meeting  2019 presentata dal prof. Vittorio Sgarbi

Maestro di corrente astratto impressionista, artista postale, con quell’estro artistico di chi nasce sotto il segno dei gemelli, fin da giovanissimo si dedica alla pittura.

L’amore per il disegno nasce da bambino guardando il programma televisivo di alfabetizzazione di Alberto Manzi Non è mai troppo tardi. “Copiavo quanto il maestro schizzava per spiegare il significato delle parole. Per me questi incontri pomeridiani con il programma sono stati un vero e proprio corso di alfabetizzazione artistica”. In quel periodo nasce in lui il sentimento per il disegno e la pittura che lo porta sin da giovanissimo a debuttare in pubblico a soli diciassette anni partecipando ad una manifestazione culturale indetta dall’Associazione Amatori d’Arte di Lecco, sua città natale.
In quegli anni, dedito al lavoro di giorno e allo studio di sera, il giovane dipinge, però di notte. Ruba le ore al sonno per esprimere, con pennelli e colori, i fermenti e le ansie che germinano nel suo intimo e sentono il bisogno di tradursi in segni e composizioni che manifestino i suoi sentimenti. Vive la voglia di conoscere le tendenze artistiche del momento, di partecipare con le proprie esperienze alla vita creativa di Milano. Frequenta con assiduità gallerie e musei di arte contemporanea, crogiuolo di esperienze artistiche, con il desiderio di apprendere e aumentare le proprie conoscenze, analizzando, studiando le opere esposte per trarne il significato, a sviscerarne il processo di stesura delle stesse in un proprio contesto di autodidattica e sperimentazione. Senza maestri e ispiratori, la sua arte si evolve spontaneamente e in modo irruente, nella solitaria ricerca di un modo espressivo che soddisfacesse l’imperioso bisogno di esternare sentimenti intensi ma delicati, radicati in un mondo poetico privato.
Nelle sue opere emerge questa energia scaturita da una ricerca assidua e dalla volontà di sperimentare nuove tecniche e nuovi materiali, dall’acquarello ai collage materici con inserti di pietre, passando per i più tradizionali pastelli e la pittura ad olio. Difficile da incasellare in precise correnti artistiche, la sua visione di artista viene definita dalle sue stesse parole scritte nel ‘75 “l’arte, essendo l’esposizione di sentimenti individuali, non deve abbracciare schemi di corrente che andrebbero a condizionare l’istinto di espressione, ma deve consistere nella sola espressione visiva di un sentimento interiore, unito ad una ricerca personale”.

I suoi dipinti sono caratterizzati da una forte carica emotiva introspettiva. I luoghi, le persone e gli oggetti raffigurati sono quelli a lui cari, facenti parte del suo vissuto e sono rappresentati sulla tela dopo essere passati dal filtro della memoria. Il linguaggio artistico di Carlo Maria Giudici colpisce il fruitore, perché nelle sue opere vanno a confluire emozioni e sentimenti, trasformandosi in forza espressiva dalle forti cromie. Si tratta di un artista che non si ferma alla staticità dell’essenza, ma mira ad una continua evoluzione pittorica e ad una ricerca espressiva, che si materializza opera dopo opera con un forte impeto di colore.

Il colore stesso diventa infatti un veicolo di straordinaria rilevanza nella trasmissione del messaggio artistico, in quanto da un lato favorisce la comunicazione espressiva tra artista e fruitore e dall’altro rivela una irrinunciabile gioia di vivere, intesa in tutte le sue sfumature: dal superamento delle ombre alla deflagrazione della luce. Ed è proprio in questo motivo pittorico che si colloca l’enigma dell’artista, capace di emergere dal baratro della sofferenza e di sollevarsi dal buio dell’anima per raggiungere l’apice luministico e con esso il trionfo del colore. Un riscatto interiore che dona un messaggio di speranza e un’emozione lucente alle opere d’arte firmate Carlo Maria Giudici.

 

CURRICULUM



Se ne vedono di tutti i colori

Il pittore GIUDICI CARLO MARIA è presente sul CATALOGO DELL’ARTE MODERNA   (CAM) Edizioni: N° 49 – 50 – 51 – 52 – 53 | Editoriale Giorgio Mondadori

Vuoi conoscere il pittore Carlo Maria Giudici?

Questi sono i numeri:

47 anni di vita artistica, 1973 prima personale di pittura

Più di 3200 lavori catalogati certificati dall’autore (dipinti, schizzi, disegni, collage, piccole installazioni, libri d’artista, pieghevoli d’artista, pittogrammi, miniature, ecc.)

Più di 200 partecipazioni a collettive, personali di pittura e performance live

Più di 350 presenze a manifestazioni internazionali       (Collettive di Pittura – Manifestazioni Mail Art)

Più di 50 riconoscimenti artistici

Più di 60 presenze su cataloghi e libri d’Arte

Più di 80 persone hanno scritto di lui: Critici d’Arte, giornalisti, galleristi, collezionisti, scrittori, poeti

ed estimatori

Più di 1500 foto di dipinti pubblicati su facebook | Carlo Maria Giudici | Carlo Maria Giudici Artista  

14 titoli di Accademico di merito o equivalenti

Per info digita sui motori di ricerca internet: Giudici Carlo Maria oppure Giudici Carlo Maria Mail Art

(clicca sull’icona delle immagini e guarda)

Se sei interessato alla sua biografia completa di 70 pagine richiedila tramite e-mail: info@carlomariagiudici.it.

Se vuoi conoscere la sua Arte, fissa un incontro presso il suo Studio d’Arte a Lecco, potrai vedere dal vero i suoi dipinti.