CUONO GAGLIONE - Italia



                                                                                     CONTATTO: alpittorecg70.af@libero.it



La sua Biografia



L'artista Cuono Gaglione è nato ad Acerra nel 1947 ma attualmente vive a Modica. Si dedica alla pittura dal 1959, ha studiato all'istituto d'arte di Napoli frequentando anche il Magistero di pittura dal 1965 al '71. I suoi maestri guida del colore sono stati Striccoli, Chiancone, Verdecchia, Toma , de Siena e Cajati. Durante la sua permanenza in Germania nel '71, fa parte del gruppo dei neo espressionisti ad Heidelberg. Il suo ritorno in Italia sarà costellato da grandi successi e le sue partecipazioni alle più qualificate rassegne Nazionali ed estere, meritando affermazioni , riconoscimenti e premi, ne sono una conferma. Fra i primi premi ricordiamo quello del Presidente della Repubblica, della Camera dei deputati, l'oscar della pittura in Germania, il premio Dante a Firenze, il Nettuno d'oro a Bologna, La Biennale P. Picasso a Napoli. Fra i premi siciliani anche il premio Quasimodo a Modica, Valle dei Templi ad Agrigento, Mostra d'arte Sacra a Caltagirone, l'Estemporanea di Donnalucata e molti altri ancora dentro e fuori dall'isola e dai confini Nazionali. Le sue opere figurano in molte collezioni pubbliche e private in città prestigiose quali New York, Dublino, Parigi, Roma, Napoli, Venezia , Norimberga, Brooklyn e decine di grandi e piccoli comuni sparsi in tutta Italia.

Dal '71 ad oggi le opere di Cuono Gaglione hanno fatto il giro del mondo. Fra le presenze recenti lo troviamo a Roma nell'83 per il Concorso Campionati Mondiali Fipav, in Germania a Furth per la Rassegna Europea dell'Arte Contemporanea, in Svezia per l'Internazionale di pittura, nel '93 a Venezia nella Personale “G.H.Centrale”, nel 2000 a Ragusa con una personale al palazzo della Provincia, nel 2001 a Vittoria, nel marzo 2002 a Ragusa all'Hotel Ionio e l'8 aprile ancora a Vittoria. Queste citate sono solo una piccola parte delle sue presenze, in effetti potremmo ancora continuare ad elencarne a iosa Ma l'attività di Gaglione non è solo mostre e concorsi, numerosi ,infatti, sono i logo da lui realizzati per i Concorsi, fra i quali quello del Coni “Sport per tutti", Roma '82, per i campionati mondiali juniores di pallavolo, Roma '84, per i campionati mondiali di calcio “Italia 90” nell'86, per il V Centenario della scoperta dell'America nell'87. Gaglione ha anche realizzato diverse copertine di libri e riviste poiché la sua pittura è espressione di sentimenti, poesia, pathos e memoria d'arte in cui molti autori , sia poeti, scrittori o altro, si sono specchiati.

Le sue opere figurano in collezioni pubbliche e private a:

Eberbach, Norimberga, Blomfield, Easton. Bed Minister, Brignais, Duisburg, Bridgewater, Parigi, Roma, Napoli, Venezia, Genova, Milano, Como, Palermo, Ragusa, Torino, Siracusa, Macerata, Pavia, Bologna, Ancona, Piazza Armerina, Firenze, Trapani, Modena, Grosseto, Spinazzola, Acerra, Modica, Aversa, Vittoria, Ortona, Caltagirone, Comiso, Gela, Augusta, Ercolano, Vizzini, Rozzano, Sorrento, Bordighera, Crotone, Falconara, Bitonto, Tolmezzo, Pachino, Sarno, Heidelberg, Stoccarda, Lione, Carrara, Perugia, Assisi, Bari, Verona, Brescia, Berlino, Salerno, Reggio Calabria, Cosenza, Enna, Santiago del Chile, Atene, Francoforte, Vienna, Sydney, Tokyo, Los Angeles, Buenos Aires, Madrid, Amsterdam, Bruxelles, Brugge.
In permanenza presso:
Galleria d'arte moderna New York-Camera di Commercio Ragusa-Comuni di Giarratana, Francofone, Modica, Pozzallo, Acerra, Sarno, Vittoria, Museo civico Caltagirone-Museo della Maschera di Pulcinella Acerra, Pinacoteca d'arte moderna Lecce, Chiese di S. M. di Betlemme Modica, S. Luca, S. Cuore Modica, Madonna delle lacrime Modica, Museo storico Diocesano Caltagirone, Istituto D'Arte Napoli, Saloni delle suore Divino Zelo Roma e Modica, Accademia d'arte Moderna Brescia, Museo della Fortezza Civitella del Tronto.
Dal 1995 si dedica a personali e fra queste ricordiamo:
Napoli-Maschio Angioino,Verona-galleria la tavolozza, Milano-la bitta, Genova-la mediterranea,Venezia-grand hotel centrale, Bari-art expo'. Brescia-il covo, Roma-la giara, Acerra-Castello Baronale, Vittoria- Centro giovanile polivalente, Ragusa-Caffe' dell'Arte, Ragusa-salone Provincia Regionale, Parlamento Europeo di Bruxselles, Fortezza di Civitella Del Tronto, Parlamento Europeo di Strasburgo.

Queste tre mostre dal titolosignificativo ” PREZIOSI DELLE DUE SICILIE” “ TERRA MIA “ “ SICILIA TERRA D'AMURI E D'ANURI “ Sano stati dedicate alla storia negata del meridione , alle bellezze naturali e artistiche, con particolare attenzione a figure, miti e mitologia che vanno dalla magna Grecia ai giorni nostri.
Gaglione ha pubblicato numerosi cataloghi illustrativi e monografie delle sue opere, si ricordano fra i piu' importanti:
TRENT'ANNI DI ESPERIENZE
UNA VITA PER L'ARTE
TESTIMONIANZE,
PULCINELLA IL VIANDANTE
NAPULE MMUNNEZZA E SOLE
ANTOLOGIA
OMAGGIO ALLE DUE TERRE
METAMORFOSI
LA PITTURA DI CUONO GAGLIONE
SIRENE, NINFE
MITI DELLE DUE SICILIE
PREZIOSI DELLE DUE SICILIE
TERRA MIA
SICILIA TERRA D'AMURI E D'ANURI
60 ANNI D'AMORE PER ACERRA
Gaglione ha spaziato anche in altri campi delle arti figurative eseguendo copertine di libri e loghi per manifestazioni mondiali (anno europeo della musica, campionati mondiali di calcio e di pallavolo)
Si sono interessati alla sua crescita artistica:
Marina Cekmareva, Dottore in Filosofia e critica d'arte. Lavora al Museo Hermitage di Sanpietroburgo.
Carlo Striccoli, Alberto Chiancone, Radames Toma, Carlo Verdecchia, Alfonso de Siena: (Maestri all'istituto d'Arte di Napoli ) ,Prof. Mario Agosta( Critico d'arte), Carmelo Arezzo ( Critico d'arte), Enzo Assenza ( Scultore ), Antonio Bevilacqua ( Scrittore ), Giuseppe Bongiardina ( Giornalista ), Mario Cagetti ( Critico d'arte ), Saverio Cannata ( Giornalista ), Renato Civello ( Critico d'arte ), Gianni Contino( Giornalista ) , Marco D'Anto' ( Giornalista ), Anna Maria Schieble De Vito ( Critico d'arte) , Giovanni Dormiente ( Scrittore ), Lorenzo Fertitta ( Giornalista ), Agostino Focone ( Scrittore, Poeta ), Helene Krueger ( Pittrice ), Franco Mancini ( Giornalista ), Angelo Manna ( Giornalista, Poeta, Meridionalista ), Prof. Aniello Montano ( Critico d'arte, Scrittore, ), Vittorio Napolitano ( Critico d'arte ) , Giuseppe Pelligra Maltese ( Critico d'arte ),Alfredo Bonita Oliva ( Critico d'arte ),Giovanni Pluchino ( Giornalista ), Domenico Pisana, ( Scrittore, Poeta )Nello Punzo ( Critico d'arte ), Franco Russo ( Scrittore, Poeta ), Ferdinando Sigona ( Scrittore, Giornalista ), Attilio Sigona ( Giornalista ), Guido Schiavottiello ( Critico d'arte ), Lorenza Trincali (Scrittore, Poeta), Michele Giardina (Giornalista),Piero Pace ( Giornalista ), Noemi Marzullo ( Giornalista ), Felice Bellero( Critico d'arte ) , Domenico Amoroso ( Scrittore ) , Giovanni Carbone ( Scrittore ), Gino Baglieri ( Pittore, critico d'Arte ), Enza Celiento ( Giornalista ).Giovannella Galliano ( Giornalista ), Michele Barbagallo ( Giornalista ), Marina Salvadore Giornalista, Scrittrice Storico Meridionalista),Stefania Longo ( Giornalista ),Domenico Iannantuoni ( Giornalista ), Alessandro Romano ( Giornalista ), Francesco Paolo Catania ( Giornalista ),Reno Bromuro( Critico d'arte ) , Mauro Caiano ( Regista ), Antonio Ciano ( Scrittore ) , Mons,Antonio Riboldi ( Vescovo di Acerra ), Valentina Gaglione ( Pittrice Poeta ), Milena Nicosia ( Pittrice ), Gino Giammarino ( Giornalista ), Giuseppe De Gennaro ( Opinionista ), Aurelio Badolati ( Giornalista ), Lorenzo Del Boca ( Presidente dell'Ordine dei Giornalisti Italiani ) , Roberto Bigliardo ( On. Parlamento Europeo ), Antonio Pagano ( Scrittore Giornalista ), Antonio Serao ( Giornalista ) , Antonio Tagliamone ( Editore ), Maria Giovanna Tumino ( Critica d'Arte ), Eugenio Preta ( Segretario generale UEN Parlamento Europeo ),Franceso Mennitto ( Museo di Pulcinella Acerra ), Luciano Somma ( Poeta), Gianni Mattioli ( Giornalista ) , Giuseppe Sciortino Giuliano ( Giornalista ) , Cuono Perroni (Giornalista), Nicoletta Damiano ( Editrice ),Giorgio Liuzzo ( Giornalista ),Marina Cappitti ( Giornalista ).Giovanni Brigandì ( Critico d'Arte poeta ), Leonardo Echeoni (Giornalista), Massimo Pacilio ( Regista, Pittore ). Fernando Galano ( Musicista ), Eustatio Paolicelli ( Storico ), Vincenzo Maria Pulcrano ( Attore Poeta Critico d'arte ), Michele Tanzillo ( Giornalista ), Maria Villani ( Giornalista Sportiva ), Marinella Paesano ( Giornalista ), Anna Iozzino (Storica dell'arte ), Giuliana Gargiulo ( Giornalista, Attrice, Scrittrice, Storica dell'arte ),Marina Cekmareva (critica d'arte del museo Hermitage di Sampietroburgo).
Con i seguenti organi d'informazione:
The Times-Malta. Kolbacksadalen Stoccolma. Mittle Bayerische Zeitung Germania. La Notte. Famiglia Cristiana. La Repubblica. La Nazione. Roma. Il Mattino. Il Tirreno. La Sicilia. Il Giornale di Sicilia. Il Diario. Corriere dello sport. La Gazzetta del mattino. Il Giornale del Sud. La Gazzetta del Sud. Il Secolo D'Italia. Nuovi Orizzonti. Liberarte Cultura. Insieme. Telemontecarlo. Video Mediterraneo. Canale 21. Tele Iblea. Il Quadrato.
L'Artista. La Sonda. La Gazzetta dello sport. Il Limone D'oro. Il Focolare. Areopago Cirals. Il Democratico. Il Pungolo Verde. Logos. La voce della Provincia. Il corriere di Modica. Domani Ibleo. Giornale di Scicli. Ragusa Sera. Vita Diocesana. L'Avvisatore. Il Lavoro Del Tirreno. Il Corriere di Roma, Il Centro Abruzzo, . La Città. L'Isola, Il Brigante, Rai. Video Golfo. Antenna Sicilia. Teleradio Akery. Radio Locali. Napoli Network. Telenova,Video Mediterraneo, Napoli Nova, Caserta 24 ore, yesart, 2Righe

E' inoltre presente in diversi siti telematici.

ll suo Curriculum

• 1971 personale a Firenze
• 1972 biennale europea T.D.Greco
• 1973 trofeo costa Napoli
• 1974 trofeo costa Napoli
• 1975 trofeo costa Napoli
• 1980 rassegna provinciale Ragusa
• 1981 rassegna nazionale Catania
• 1982 British art fair in the city Londra
• 1982 premio internazionale Milano
• 1982 omaggio a murillo Roma
• 1982 marguttiana Carrara
• 1982 biennale Siracusa
• 1982 rassegna internazionale Genova
• 1982 trofeo costa Napoli
• 1982 rassegna internazionale Lecce
• 1982 rassegna nazionale Catania
• 1982 rassegna nazionale Genova
• 1982 rassegna nazionale Roma
• 1983 Europa 2000 Milano
• 1983 mondiali fipav Roma
• 1983 sport per tutti Roma
• 1983 Salon des exposition des nations Parigi
• 1983 rassegna nazionale Milano
• 1983 biennale del mare Roma
• 1983 porta dei leoni Reggio Calabria
• 1983 personale Genova
• 1983 premio oscar Regensburg (Germania)
• 1983 trofeo costa Napoli
• 1983 rassegna nazionale Genova
• 1983 rassegna internazionale Fürth (Germania)
• 1984 premio internazionale Hallstahammar (Svezia)
• 1984 trofeo costa Napoli
• 1984 anno europeo della musica Roma
• 1984 Arte expo texas Dallas (USA)
• 1984 premi S.Ambroeus Milano
• 1984 Art expo international Ginevra (Svizzera)
• 1984 International art exposition Washington (USA)
• 1985 contemporanea Ragusa
• 1985 premio internazi. nettuno d'oro Bologna
• 1985 incontro con la Laguna Venezia
• 1985 trofeo gioiello di candia Massa Carrara
• 1985 personale Ragusa
• 1985 Gran prix d'art internationale Milano
• 1985 premio internazionale Firenze
• 1985 biennale del mare Roma
• 1985 trofeo costa Napoli
• 1985 rassegna d'arte Viareggio
• 1985 la finelliana Carrara
• 1985 esposizione europea Roma
• 1985 incontro con l'arte Siracusa
• 1985 personale Ragusa
• 1986 internazionale di grafica Atene (Grecia)
• 1986 pro UNICEF Ragusa
• 1986 concorso nazionale Siracusa
• 1986 trofeo costa Napoli
• 1986 premio internazionale Hallstahammar (Svezia)
• 1986 Italia 90 Roma
• 1986 città di Viareggio Viareggio
• 1987 la scoperta d'America Roma
• 1987 asta pro UNICEF Ragusa
• 1987 concorso internazionale Pordenone
• 1987 biennale P.Picasso Napoli
• 1995 personale Roma
• 1996 maschio angioino personale Napoli
• 1996 la bitta Milano personale Milano
• 1997 la mediterranea personale Genova
• 1997 G.H: Centrale personale Venezia
• 1998 Art expo personale Bari
• 1999 il covo personale Brescia
• 1999 la giara personale Roma
• 2000 provincia rg personale Ragusa
• 2001 h ionio personale Ragusa
• 2003 Personale caffè dell'arte Ragusa
• 2003 preziosi 2 sicilie personale Bruxelles (Belgio)
• 2004 terra mia personale Civitella d. Tronto
• 2005 personale Strasburgo (Francia)
• 2006 personale "La cour des arts" Bruxelles (Belgio)
• 2009 50º Anno di attività artistica- Acerra Castello Baronale
• 2012 V Crociera della musica Napoletana, Artista invitato ad esporre in Mostre itineranti a: Catania, Napoli, Livorno, Villefrance, Valencia, Ibiza, Tunisi.
• 2013 VI Crociera della musica Napoletana, Artista invitato ad esporre in Mostre itineranti a: Bari, Katakolon, Izmir, Istanbul, Dubrovnik, Venezia.
• 2015 VIII Crociera della musica Napoletana, Artista invitato ad esporre in Mostre itineranti a: Bari, Katakolon, Santorini, Corfu', Kotor, Venezia.
• 2016 IX Crociera della musica Napoletana, Artista invitato ad esporre in Mostre itineranti a: Napoli, Messina, La Valletta, Palma di Maiorca, Ibiza, Barcellona, Marsiglia, Genova.
• 2017- Mostra di beneficenza ROMA
• 2018 - 60 anni d'amore per Acerra- Pulcinella Film Festival- Castello dei Conti
• 2019 Acerra Castello dei Conti - S O S PACE "I colori della Pace: io, gli atri e i sette colori dell'arcobaleno". Mostra Convegno
• 2020 Roma Galleria NUMEN collettiva di artisti contemporanei
• 2020 Roma - Mostra collettiva virtuale In the Name of Love- I mille volti dell'amore

• Premio Presidente Della Repubblica
• Premio Presidente Camera Dei Deputati
• Premio Dante Firenze
• V Biennale Roma
• Nettuno D'oro Bologna
• Pennello D'oro Milano
• Biennale della laguna Venezia
• Premio Pordenone
• Premio Murillo Roma
• Oscar della pittura Germania
• Premio Califano C. di Stabia
• Premio Arte Cultura Napoli
• Premio Hallsthammar Svezia
• Premio Costa Napoli
• Colombo nella storia Genova
• Premio Viareggio
• Premio del Parlamento Europeo di Bruxelles e Strasburgo
• Ambasciatore nel mondo del Museo di Pulcinella di Acerra
• Ambasciatore della cultura Napoletana nel mondo
• Premio "Pulcinella" Pulcinella Film Festival 2018


La Critica

"Cuono Gaglione e l'immagine informale" di Reno Bromuro
Ad un primo esame i quadri di Cuono Gaglione rivelano immediatamente come ci si trovi di fronte ad un'artista prevalentemente lirico, apprezzato dagli altri pittori. Prendiamo ad esempio la prima tela che ci capita sottomano: «Donne del Sud», la straordinaria energia generata dalle immagini in decomposizione, come fosse un annuncio alla civiltà, che la donna del Sud, «quella» abituata a camminare a testa bassa, che ha le spalle curve per il troppo lavoro, stia scomparendo e dalla materia scaturisca la nuova donna; anche se per il maestro Gaglione non hanno ancora un volto ben definito. Questa tela e «Mietitori», richiamano molto la «Scuola Romana» di Mafai, di Scipione, di Mazzacurati di Caputi, ecc… hanno nella rarefazione dell’informalità delle figure e nella compattezza colorica, una nota di spiritualità moderna e modernamente sentita senza sentimentalismi, o lacrime d’alambicco per commuovere il visitatore.Circa gli altri dipinti esposti in questa mostra dei suoi lavori più recenti, rivela inoltre una serietà ed un livello d'impegno tali da rendere la sua un'arte duratura. Ugualmente in accordo con le esigenze dell'arte autentica sono l'austerità dei soggetti, un'esecuzione caparbia al limite del brutale e la gamma dei colori deliberatamente ristretta: ecco la novità che lo sgancia dall’informalità della «Scuola Romana» lì, si rappresenta il disfacimento di una società, evolutasi nel ricordo della gloria passata, per volere di una volontà totalitaria; qui, invece, dalle macerie del disfacimento culturale di un certo ceto del Sud si vuole riformare, impastare direi, come Dio Adamo, l’orgoglio del Sud.Gaglione non fa nulla per farsi rifiutare o accettare, né muove un dito per piacere usando immagini seducenti, nella loro formazione, o colori allettanti, la durezza del suo approccio crea un'intensa ma controllata attrazione, la cui immobilità infonde un senso di trance; nelle sue tele non c’è stasi, o sospensione del flusso naturale, introduce nelle figure non la passività elegiaca della sconfitta a prima vista ma, sotto sotto, gli echi perturbanti di un possedimento spirituale e ottimista.La sua è, in breve, un'opera d'esplorazione architettata dalle forze statiche che precedono il subbuglio e l'esplosione di un cambio, questo traspare dalla sistemazione delle maschere:«maschere e uomini mascherati», come si vede in «Monumento».Afferma Aniello Montano che «Gaglione è dotato di una vocazione autentica, di quelle che pervadono ed impegnano tutta la tensione spirituale senza consentire distrazioni o temporanei disimpegni, Cuono Gaglione da anni lavora alacremente, con un entusiasmo che si spinge fino al sacrificio, per affinare la sua tecnica ed adeguarla al livello della sua ispirazione artistica». La rappresentazione delle figure e delle immagini della «Cascata», della «Periferia» e altre tele qui rappresentate, sembrano indefinibili eppure sono in continua trasformazione; sotto colori e infuocate superfici permettono di rimanere affascinati, colpiti da non permettere assolutamente, a queste immagini in formazione di abbandonare la mente mentre altre, come ho scoperto io stesso, s’insinuano gratuitamente nel ricordo anche parecchio dopo la visione iniziale. La fusione dei rossi dei terra di Siena, dei marroni terragni impartiscono una riflessione di tipo kafkiano che possiede una potenza quasi elettrica. Quello che Cuono Gaglione raffigura nei suoi dipinti è inequivocabilmente legato al dissolversi dell'identità e del significato, temi fondamentali della nostra epoca. Il punto di riferimento della sua serietà consiste nel come faccia fronte  alle accasciate certezze e alle anomalie della consapevolezza odierna rigettando le «pallose» apparenze della normalità e delle loro maschere, toccando l'orrore della vacuità individuale. Quest'apparente contraddizione è risolta dal fatto che le «Donne del Sud» sembra siano un rifiuto, piuttosto che un omaggio alla sua terra alle sue compaesane, e ciò nonostante l'ovvio rispetto che Gaglione ha per l'opera del pittore. In effetti, l'importanza di questi quadri, a parte la loro natura, è data dal fatto che è sia un'espressione d’apostasia che una dichiarazione di una posizione esistenzialista del tutto opposta. Nella composizione delle figure che dall’informalità raggiungono la perfezione del pensiero metafisico, che guida inconsciamente l’artista, vi è la visione di una vita, che per noi può apparire senza valore, ma che Gaglione fa avanzare ulteriormente il principio della sostituzione perpetua. Da questo lui ha costruito un dialogo antifone che spiega buona parte della prolungata tensione del suo lavoro. Ciò traspare particolarmente, a mio avviso, dai dipinti più potenti, dove la propulsione è stata accumulata e distillata rispetto a quelle immagini composte con più rapidità. A conclusione di queste brevi mie note vorrei solo aggiungere che i quadri di Gaglione confermano una mia vecchia teoria secondo la quale il futuro della pittura contemporanea avrà inesorabilmente come base una maggior codificazione, destinata ad un pubblico più erudito. In questo senso il lavoro Cuono Gaglione è di un’infiammabilità unica ed è suscettibile d’ampliamento e studio infiniti.