LORENZO POMPEO LOMBARDO   - Italia 



                                                                                       CONTATTO:  lorenzolombardo49@libero.it





Sulla sua Arte


Note Biografiche:

Lorenzo Pompeo Lombardo nato a Caltanissetta il 26 Settembre 1949, vive e lavora a Caltanissetta. Fin dal 1963 ha svolto intesa attività di pittore partecipando a numerose mostre in campo regionale, nazionale e internazionali. Diplomato Maestro d’Arte presso l’Istituto Statale d’Arte “Basile” di Messina, ha intrapreso l’attività artistica.

Opera del campo della pittura e della scultura con attenzione allo Strutturalismo, alla composizione ed alla scomposizione di immagini.

Mostre Personali:                                                                                    

-         Organizzate nell’Istituto Annibale Maria di Francia per i Sordomuti di Messina – Anno 1966 – 1968 – 1969 – 1970;

-         Palazzo Moncada Bauffremont – Caltanissetta – Anno 1988 a cura Salvatore Randazzo;

-         Associazione “Marcel Duchamp” Caltanissetta – Anno 1988 a cura Franco Spena;

-         Amministrazione Comunale di Serradifalco – locali ex Cassa Rurale “San Leonardo” – Anno 1989 – a cura Marisa Sedita

-         Biblioteca Comunale di San Cataldo – Anno 1989;

-         Palazzo Corvaja con patrocinio del Comune di Taormina – Anno 1989 – a cura Giuseppe Di Bernando;

-         Palazzo Chiaramonte Galleria Civica d’Arte di Enna – Anno 1990 – “Forme Teatranti” cura Franco Spena;

-         Teatro Vittorio Emanuele di Messina – Anno 1991 – Forme Ritmiche a cura di Padre Antonino Lannocca;

-         Salone Chiesa San Francesco con patrocininato Comunale di Mussomeli – Anno 1992 – “Forme trasparenze extrasensoriale a cura Salvatore Randazzo;

-         Salone Chiesa San Biagio con patrocinio Comunale di Gela – Anno 1992 – Ludus Tonalis a cura Enzo Salsetta;

-         Sale di Rappresentanza – Palazzo Carmine – Caltanissetta – Anno 1992 – “Forme Tradizionali sonora dell’immagine” a cura Salvatore Randazzo;

-         Antisala Consiliare del Palazzo Città di Acirale – Anno 21992 – “:::Pictoribus atque Poetis/Quid-Libet audenti semper fuit aequa potestas.” – “ …Pittori ed ai poeti fu concesso di osare qualche cosa nel limite dovuto” – a cura Giuseppe Candrilli;

-         Centro Culturale “Villa Barile in collaborazione con Good Art. Night Event di Caltanissetta – Anno 2011 – “Frammenti di immagini colori e geometrie” A cura Andrea Giovanni Lombardo;

-         Castello Chiaramonte nella sala Timilia anno 2018 Favara (AG) “Un inno alla Vita” a cura Vincenzo Patti;

-         “MACCA” Museo d’Arte Contemporanea – “AMACI” Associazione dei Musei d’arte Contemporanei Italiani – Città di Alcamo a cura Andrea Giovanni Lombardo – Anno 2018;

-         Galleria Civica d’Arte Moderna di Palazzo Moncada Caltanissetta a cura Calogero Barba “Tensioni Formali tra spazio e colori” – dal 23/03/2019 al 31/03/2019;

-         Galleria Civica d’Arte Moderna di Palazzo Moncada Caltanissetta a cura Vito Parisi “Ordinate scomposizioni” dal 09/11/2019 al 17/11/2019;

 

Mostre Collettive:

-         ACAN – Palazzo Comune di Caltanissetta – Anno 1964 – 1965;

-         ACAN Camera di Commercio di Caltanissetta – anno 1966;

-         1° e 2° Mostra di Pittura Contemporanea di Canicattì – Anno 1965 – 1966;

-         !° Concorso Nazionale di Pittura Contemporanea – Anno 1965 “Galleria d’Arte Cavalotto di Caltanissetta;

-         “° Concorso Nazionale di Pittura Contemporanea “La Biga” – Anno 1966 a cura lo Scrittore Leonardo Sciascia iun qualità di membro della Commissione giudicatrice Salvatore Randazzo e Lorenzo Viviano, nella città di Mussomeli;

-         1° - 2° e 3° Mostra di Pittura Estemporanea “Vetrinetta Scarantino – Anno 1967 – 1968 – 1969;

-         1° 2° 3° e 4° Mostra Pittura Contemporanea – Anno 1967 – 1968 – 1969 – 1970 “Vetrinetta Scarantino “ di Caltanissetta,

-         2° e 3° Mostra d’arte Sacra Regionale “Vetrinetta Scarantino di Caltanissetta – Anno 1967 – 1969;

-         Mostra Regionale organizzata nell’Istituto Statale d’Arte in Fiera Levante di Messina – Anno 1968 – 1969;

-         Mostra Regionale organizzata nell’Istituto Statale d’arte in Provincia di Messina anno 1969;

-         XXX° - XXXI° Fiera Campionaria Internazionale anno 1969 – 1970;

-         IX° Fiera Centro Sicula di Caltanissetta – Anno 1970;

-         2à Mostra Mercato dell’Artigianato Nisseno organizzato dall’Assessorato Sviluppo Economico della Provinciale di Caltanissetta – Anno 1991;

-         Chiesa San Biagio di Gela a cua Enzo salsetta – anno 1992;

-         Associazione Accademia Catanese “Eliodoro” Palazzo Toscano di Catania - Anno 1992 – a cura Giuseppe Candrilli.;

-         Galleria di Prato dei Miracolini di Pisa a cura Jolanda Pietrobelli – Anno 1993;

-         EX Reale Albergo dei Poveri di Palermo - 3° Mostra di Pittura Mediterraneo Contemporanea – Anno 1994;

-         Standart a cura Franco Polettini – Anno 1994 di Castelvestrano (TP),

-         QAL’AT – Arte Contemporanea Caltanissetta – Anno 1994;

-         Missionaria Asta – Parrocchia Sacro Cuore – Hotel                                     di Prima Caltanissetta – Anno 1994;

-         Fructidor Anno 2018 sesta edizione Livorno rassegna d’arte contemporanea a cura Giulio Ferrieri Caputi II – “il Melograno Art Gallery”;

-         CAM – Contemporary Art Museum – Casoria (NA) International Art. Festival Survival anno 2018 3° Edizione a cura Antonio Manfredi;

-         “Verde” Galleria d’Arte “Spazio $0” Roma – Mostra Collettiva a cura Fabrizio Enea e Concetta Loiodice – Anno 2018;

-         Arte Borgo Gallery Roma “CHRISTMAS ART” – Mostra Collettiva Internazionale d’Arte Contemporanea a cura Anna Isopo – Anno 2018;

-         Gallery 2(be) Art – NVMEN Art Gallery Roma - CONTEMPORARY VOL. 2 a cura Ilaria Giacobbi – Anno 2019;

-         “Viola” Galleria d’Arte “ Spazio 40” Roma – Mostra Collettiva a cura Fabrizio Enea e Concetta Loiodice – Anno 2019;

-         Associazione Culturale Napoli Nostra – Mostra Collettiva presso al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa di Napoli a cura Gennaro Corduas – Anno 2019;

-         Art. New – Artista da Museo – Mostra Collettiva Internazionale presso la Galleria d’Arte Civica “Giuseppe Sciortino” Monreale (PA) a cura Sandro Serradifalco – anno 2019;

-         Ex Voto – Mostra D’arte Collettiva in collaborazione con Associazione Culturale “Terra Madre” – Museo Campano Capua (CE) a cura Gianpaolo Coronas – Anno 2019;

-         Divulgarti Ducali – Mostra Collettiva d’Arte e Contemporanea presso nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale Genova a cura Loredana Trestin e Cristina Bianchi – “I viaggiatori nel tempo” – Anno 2019;

-         Esposizione Arte Contemporanea – Galleria d’Arte e Design GARD Roma – Soqquadro “Colori – Materie – Segni” – curatela: Sonia Mazzoli – Marina Zatta “Ressere il Colore” Anno 2019;

-         Prima Mostra di Selezione Città di Francavilla a Mare – XIII° Biennale di Roma 2020 – MUMI Museo Michetti – Anno 2019 – Segnalato alla CIAC a Roma – a cura Lucio Sandro Giardinelli,

 Opere in Permanenza:

-         Palazzo Comunale di Caltanissetta;

-         Palazzo Comunale di Taormina;

-         Palazzo Comunale di Messina;

-         Palazzo Provinciale di Messina;

-         Istituto Annibale Maria di Francia per i Sordomuti di Messina.

 Hanno scritto:

Salvatore Randazzo – Gino Cannici – Aldo Indelicato – Marisa Sedita Migliore – Patrizia P. Lombardo – Enzo Salsetta – Michele D’Amico – Franco Spena – Giuseppe Galletti – Aldo Gerbino – Giuseppe Di Bernardo – Giuseppe Atanasio Elia – Felicia Rizzo in Petrigna – Angioletta Giuffrè – Vito Cardaci – Giuseppe Genovese – Giuseppe Naro – Mario Bonsignore – Padre Antonino Lannocca – Giovanna Giordano – Filippo Ciranni – Lucio Barbera – Rosario Rizzo – Aldo Giarratano – Cosimo Cigna – Lucio Barbagiovanni Gasparo – Giovanni Vitali – Jolanda Pietrobelli – Andrea Giovanni Lombardo – Marco Curatolo – Patrizia Cataldo – Vincenzo Patti – Giacomo Sorce – Giovanni Ruvolo – Calogero Barba – Loredana Trestin – Vito Parisi – Marina Zatta.

 



La Critica


LUDUS TONALIS 

Si tenta sempre di dare all’arte, a ciò che un’artista produce in nome di un’ansia che tutto lo consuma, una giustificazione che faccia entrare sia lui che il suo prodotto entro categorie estetiche o entro una storia che spossessa tutti i meccanismi che producono arte e tutto l’humus vitale dal quale l’anima diparte per produrre, spossessa l’artista della sua umanità e del suo processo di superamento attraverso l’esercizio dell’arte.

L’arte e l’artista così divengono fenomenologie non del quotidiano ma di qualcosa che sta lontano dalla realtà, lontano dalla sofferenza e dai drammi della storia.

Sovente ci si chiede o viene chiesto, sopratutto a chi opera il mestiere di critico, di dare significato ai simboli o alle forme che un’artista crea. In tutta onesta è una cosa molto ardua, soprattutto perché mai come in questi tempi l’immaginario collettivo dei simboli dell’umanità sta cambiando, inoltre oggi l’artista, in generale, e non è il caso di Lombardo, non cerca di scoprire misteri e di avvicinarsi ad essi ma cerca un’idea o meglio l’idea che possa presentarlo agli umani come genio, come scienziato, inventore.

Cosa questa che, se da un lato connoterebbe l’artista nel novero delle stars dello spettacolo e della spettacolarità, dall’altro crea i presupposti per un’arte di consumo stagionale così come lo sono le “trovate” commerciali.

Dunque “tradurre” un’artista attraverso l’analisi si critica linguistico–strutturale applicata alle sue opere può portare sia alle radici culturali del soggetto che anche al suo vuoto, al suo nulla che è poi il nostro nulla, dati i tempi di confusione che attraversiamo.

Ma in tanta confusione di idee e di ideali, la pittura almeno quella vera, ancora esiste a dichiarare la sua complicità, la sua flagranza di reato con l’umanità dell’essere.

Il reato è quello di ricondurre l’uomo a se stesso alla sua dimensione di creatura di Dio, amante delle armonie, della gioia, della vita.

Berenson diceva che l’arte è quella cosa che dà vitalità, che da qualcosa alla soffocante monotonia del quotidiano.

Lombardo è pittore vero, pittore cioè che produce la sua pittura dal suo segreto sé la produce per la sua è la nostra gioia di vivere.

Egli antepone al nulla, che è poi maggiore caratteristica esistenziale del nostro secolo, la sua creatività, la sua arte.

L’arte, quella vera, la si riconosce subito per una caratteristica importante e che quella di sapere aggiungere qualcosa alla nostra conoscenza, qualcosa che ci era ignoto prima, e che ignoto forse anche l’artista prima di cimentarsi nell’opera.

Il dato magico nell’opera d’arte, non sta tanto nella sua finzione, nel suo essere artificio, ma nella sua capacità di ottenere un mutamento, non certamente della realtà, ma della coscienza di chi guarda, proprio perché la coscienza dell’individuo viene raggiunta da una conoscenza, da un sapere.

Nella pittura di Lombardo il lavoro di “traduzione” non ha come riferimento una iconologia o un registro di immagini simboliche né figure allegoriche da restituire ad idee o concetti nascosti dall’artista nel suo mestiere di celatore di concetti attraverso le immagini.

Se si esclude la prima parte dell’opera di Lombardo, ci troviamo di fronte ad un artista arrivato nell’universo delle forme pure, le forme originarie quelle cioè che costituirono, e costituiscono quella indicibile pre-geometria dell’ineffabile. Forme sgorganti da un non luogo che pur essendo in noi e lontano dal nostro esistere e che conferma che la sostanza dalla quale è stata ricavata la nostra anima, il nostro essere più segreto, è una sostanza di un regno atemporale da cui sono partiti il suono ed il silenzio.

Potrei in un modo sbrigativo imboccare la strada della recente storia dell’arte per spiegare la pittura di Lombardo, ma so che gli farei un torto sia a lui che alla sua pittura, perché da quel lato (che poi è il lato della malafede critica) si arriva a liquidare tutti i pittori in epigoni di questo o di quel maestro o corrente artistica.

In verità vi è in Lombardo un atteggiamento eroico rispetto la storia dell’arte, nel senso che lui vuol aggiungere del suo, rispetto al già visto o al già fatto,. Lombardo cortocircuita la sua pittura tesa a cogliere il significato del misterioso esistere con l’ordine di una storia dell’arte idealmente evolutiva, perché così è intesa da Lombardo, cioè come una religione dell’esistere che nel suo “esercizio”, e qui esercizio lo voglio intendere in modo Ignaziano, cioè come esercizio spirituale che rende colui che lo pratica più vicino a Dio e qui degno di Dio.

E quindi una storia dell’arte che fa evolvere anche l’umanità attraverso il restituirci la conoscenza spirituale.

Ma per tornare al dato specificatamente pittorico dell’artista e prendendo il suo mondo di forme come filo conduttore del percorso vediamo che, la pittura di Lombardo ci avvolge subito nella sua fittissima tramatura musicale.

L’allegoria, la metafora, il simbolo sono stati, almeno nelle opere recenti, rigorosamente escluse, quasi come se il pittore voglia parlare d’altro rispetto la realtà di un passato che in lui ha lasciato tracce a dire il vero positive, se si considerano i quadri prodotti fino al 1988.

L’analisi completa delle opere di Lombardo, mette in evidenza un’artista che è partito da una realtà “sentita” come imprendibile, elusiva rispetto forse alla nominazione di essa. Quello che la vista concedeva, vestiva restituito nella tela attraverso una sintesi iconologica che passava dalle strutture culturali portanti dell’artista. Appaiono messi e relazioni con le opere dei maestri europei e mondiali della pittura come Klee e Kandisky e certamente Modrian almeno nella lezione teorica.

Sono nomi canonici nel panorama contemporaneo, sono quasi i padri fondatori del linguaggio pittorico attuale e nonostante il clima ormai imperante della confusione degli stili, restano sempre i punti di rimando principale nella polemica, ormai non più aspra, tra figurazione e astrazione, tra formale ed informale.

E’ evidente che Lombardo ha saputo ben scegliere i suoi punti di partenza culturali, utilizzandoli però come mezzo linguistico espressivo, come scelta di segno sulle sue tele, ma senza mai lasciare la sintesi iconica che, almeno, come ho detto prima nelle prime opere è presente nell’artista.

La figurazione è presente ora come simbolo, ora come pretesto, il più delle volte la ricerca della percezione, attraverso il segno, supera la relazione con la realtà, per cui un paesaggio si estranea dalla sua nozione di partenza per diventare gioco prima di forme e poi, e qui è la grandezza e la maestria di Lombardo, diviene gioco di suoni. Ludus Tonalis, come dicevano gli antichi ma il risultato a cui Lombardo approda è del tutto moderno poiché l’unità musicale a cui arriva il rimando delle forme e dei colori, ha un carattere di “virtuosismo artistico”, con questo non voglio dire che Lombardo manchi di trascendenza nelle sue opere, anzi. Per essere più chiaro intendo dire che “l’artisticità” come asseriva Gottefried Benn è un tentativo dell’arte in mezzo a tanta decadenza dei contenuti, di vivere se stessa come contenuto e, su questa esperienza, di formare un nuovo stile, è il tentativo, contro il generale nichilismo dei valori, di porre una nuova trascendenza, la trascendenza del piacere creativo.

Lombardo è figlio della modernità senza miti, e nel presentarci queste sue opere ci presenta l’altra faccia dell’immaginario umano, quello meno visibile dal punto di vista semantico, ma più carico di spiritualità, di senso del sacrale. Quella sacralità che viene dalla solitudine, da una vita silente, che è capace di manifestarsi attraverso coloriture emotive e maniacali segni che se da un lato possono costituire le mura di un isolamento, dall’altro definiscono la presenza di un mistero intraducibile, a tratti barbarico, a tratti raffinatissimo, come dicevo prima, virtuosistico.

Lombardo traduce l’invisibile e lo rende musica visibile.

    L’espressione grafica della musica che tanto affascino Klee e Kandiski nel nostro artista viene meno sentita, egli sviluppa piuttosto e mette a nudo, la forma pittorica che sta alla base poi delle sue composizione melodiche. Trova forme geometriche dalle ascendenze primitive, attraversate da linee vibranti di semitoni coloristici come corde di pianoforte.

Tutto subordinato ad un moto generale che si ritrova simmetrico e iterativo in ogni singola parte che attraversa e muove anche queste forme. Il rimando tra le forme e le linee coloristiche conferisce al quadro un suono interiore semplice, quale è quello della melodia.

Il ritmo dunque della pittura di Lombardo è melodico, la fonte della sua espressione deve ricercarsi nei processi di carattere interiore, come impressioni della natura interiore dell’essere, ma ciò non si traduce in modo improvviso, istintivo o espressionistico, quanto piuttosto in paziente elaborazione compositiva fatta con consapevolezza e voluta finalità.

Tuttavia è al sentimento e non al calcolo che Lombardo si affida e cede le ragioni del suo fare pittura. Il sentimento risponde all’appello del suono che dal sè si parte come una “musica dei mondi” per fare arrivare a chi sa ricevere la bellezza, l’armonia della sua espressione.

La bellezza è sempre in chi guarda, e la chiamata dei colori-.suono di Lombardo pur evocando un mondo di forme “altro”, esterno si rivolge all’interiorità spirituale di chi guarda e la chiamata è al dialogo sempre tentato e mai esaurito sull’assoluto, sull’aldilà del mito di quel territorio un tempo di pertinenza degli dei, lontano dall’uomo dalla sua quotidianità, dalla sua tragedia d’esistere.

Tutto ciò in fondo per ricordare all’uomo quanto in noi è divino, quanto del nostro essere carne, materia destinata a cenere è permeata di mistero che trascendendo i giorni arriva all’eterno.

Prof. Enzo Salsetta

 

L’arte in movimento

Scrivere sulla pittura di Lorenzo Pompeo Lombardo non è cosa semplice poiché l’artista utilizza un modo di esprimersi che apparentemente potrebbe essere annoverato nell’informale, ma il discorso è molto più ampio e profondo..
L’arte di Lombardo si esplicita su più livelli di comprensione, l’utilizzo esperto del colore e delle sue sovrapposizioni determina un linguaggio che va oltre ciò che apparentemente l’osservatore può captare.
Un intreccio di forme, cesellate, come se fosse un mosaico ad incastro o la trama di un arazzo possono creare a chi guarda le sue opere un senso di lucido smarrimento, come se ciò che proposto si presentasse come un altalenante movimento, come se fossero “frame” di un’opera di  videoarte..
Rendere questa sensazione è appannaggio di chi conosce la pittura e le sue tecniche in maniera egregia e questo è il caso del Maestro Lorenzo Pompeo Lombardo.

C. Giulianelli