ROXANA ESPOSITO        - Argentina



                                                                                           CONTATTI: roxanaesposito@gmail.com



 
 
 

La sua Biografia

Sulla sua Arte


Ho studiato Storia dell’Arte nel mia università quando studiavo Relazioni Pubbliche (UADE 1993) e da quel momento si è svegliato in me l’interesse per la pittura, più tardi per la scultura ceramica sempre insieme al disegno. La musica è stata la mia prima formazione artistica da piccola e così ho potuto capire ogni linguaggio artístico  che  ha dato gli strumenti per esprimere il mio sguardo della vita.

La mia carriera si è svolta con grandi maestri: Nicolas Menza, , Leo Tavella, Liana Lestard, , Laura Delgado, e Leandro Niro , Sandra Ciccioli tra tanti altri maestri, oltre a realizzare molti laboratori di arte contemporanea, di incisioni in rilievo, smalti ceramici, ritratti e caricature .fotografie,alla “Escuela Superior Regina Pacis”. anche clinica de opera in Argentina insieme a la curatrice Margarita Garcia Faure .In Italia sono lavorando con la curatrice Rita Fusco. Ho fatto una residenza di artista intermezzo la Biennale di Arte di Salerno, per lavorare nell Lavoratorio di Vincenzo Santoriello , Vietri sul Mare. Italia. Dove ho realizato l´opera ¨Trasmigrare nell´amore¨che é stata consegnata al Istituto Compressivo, Lita Montalcini di Salerno .

MOSTRE E PREMIAZIONE

2019     Mostra individuale , installazione Trasmigrare,

Museo Beato Angélico, UCAPL, La Plata

MOSTRA ARTE PER LA GIUSTIZIA, CAVA DE´ TIRRENI, ITALIA

                Trasmigrare della cultura.

EVENTO SINERGIE , BENEVENTO, ITALIA

 Premio Istallazione Creative Worl San Gennaro Vesuviano, Italia

 Mostra Disabilitá , Cava dei Tirreni, Italia, Complesso San Giovanni

Consegna di opera Trasmigrare nell'Amore, Scuola Media Statale, Rita Montalcini,     Salerno, Italia

Residenza de Artista , Biennale de Salerno-Ceramica Santoriello (Vietri sul Mare,        Italia)

 Mostra personale  AMORE Palazzo Genovese.Salerno. Italia

Consegna di opera alla Pro loco , Nola. Italia.

 2018 Artista invitada alla 3.Biennale d Arte Contemporaneo di Salerno, Italia

 2017 Selección Salón 2017 seleccionada en Salon Nacional Ceramica.

Salon Internacional Centro Argentino de Arte Ceramico

.SINTONIA  (colectiva en La Blanco Encalada)

.             +40 MOSTRA nell Museo RAGGIO

 2017 Salon Internazionale de Ceramica CAAC, Buenos Aires

2017 Salon piccolo formato, San Martin de los Andes,Patagonia, Argentina

2017 Mostra Museo Raggio. Argentina

2017 Salon Nazionale , Palais de Glace, Buenos Aires

2016 Mostra d artisti vincittore a la Biennale nella terminale maritima Zaha Hadid , Salerno

2016 Primo Premio Sculture Figurativa II Biennale d”Arte Contemporaneo de Salerno

2016 Primo premio scultura Bienalle d Arte de San Nicolas (Argentina) 

2014 “Salon de Arte Erotico” (Espacio 10)

2013 “Salon de Disegno y Grabado Raul Alonso”

2012 “Salon de Disegno y Grabado Raul Alonso”

2008 “Salon Otoño.Fundación Alvear”

2007 “Salon Otoño Galeria Braque”

2006 “Salon Primavera Desde La pLastica”

2005 “Salon Provincial de Pintura . MUNIC. CAP..Sarmiento”

 

MOSTRE INDIVIDUALI E COLLETTIVE

2008 “ARTECLASICA (Galeria Forma)”

2006 “CASA DE LA CULTURA MUN. DE VILLA LA ANGOSTURA (NEUQUEN)

         Galeria Pontevecchio (Villa La Angostura)” Patagonia

2005 Mostra individuale “Galeria Desde la Plastica”

2004 Mostra Individuale “Fundacion Alunco”

2002 Mostra individuale “Municipalidad Villa La Angostura. Neuquen”

2001 “Universita de Belgrano”


Non respingere i sogni

Non respingere i sogni perché sono sogni.
Tutti i sogni possono
essere realtà, se il sogno non finisce.
La realtà è un sogno. Se sogniamo
che la pietra è pietra, questo è la pietra.
Ciò che scorre nei fiumi non è acqua,
è un sognare, l'acqua, cristallina.
La realtà traveste
il sogno, e dice:
"Io sono il sole, i cieli, l'amore".
Ma mai si dilegua, mai passa,
se fingiamo di credere che è più che un sogno.
E viviamo sognandola. Sognare
è il mezzo che l'anima ha
perché non le fugga mai
ciò che fuggirebbe se smettessimo
di sognare che è realtà ciò che non esiste.
Muore solo
un amore che ha smesso di essere sognato
fatto materia e che si cerca sulla terra

 (Pedro Salinas )

--------

No rechaces los sueños por ser sueños.

Todos los sueños pueden

Ser realidad, si el sueño no se acaba.

La realidad es un sueño. Si soñamos

Que la piedra es piedra, eso es la piedra.

Lo que corre en los ríos no es un agua,

Es un soñar, el agua, cristalina.

La realidad disfraza su propio sueño, y dice:

“Yo soy el sol, los cielos, el amor”

Pero nunca se va, nunca pasa,

Si fingimos creer que es más que un sueño.

Y vivimos soñándola. Soñar

Es el modo que el alma

Tiene para que nunca se le escape

Lo que se escaparía si dejamos

De soñar que es verdad lo que no existe.

Solo muere

Un amor que ha dejado de soñarse

Hecho materia y que se busca en tierra.

No rechaces los sueños por ser sueños

Viaggiare nell’Anima

Alla riscoperta delle vite precedenti
Viaggiare per strade e sentieri o attraversare le immensità dei mari è sempre stata una delle attività più affascinanti e seducenti che l’essere umano conosca. E’ veramente incredibile come in qualsiasi tipo di viaggio, da quello più avventuroso e imprevedibile, a quello più semplice e banale, qualcosa dentro di noi inizi sempre a cambiare. Alla stessa maniera è possibile percorrere i sentieri più profondi e inesplorati della nostra Anima. Potrebbe diventare il viaggio più magico e avventuroso della nostra esistenza
SERENELLA D’ERCOLE

Viajar en el alma
El redescubrimiento de las vidas anteriores
Viajar por calles y sendas o atravesar la inmensidades de los mares ha sido una de las actividades más fascinantes y seductoras que el ser humano conozca.
Es realmente increíble como en cualquier tipo de viaje, desde el más aventuroso e imprevisible, al más simple y banal, algo dentro de nosotros siempre comienza a cambiar. De la misma manera es posible recorrer las sendas más profundas e inexploradas de nuestra alma. Podría convertirse en el viaje más mágico y aventuroso de nuestra existencia.


Trasmigrazione

Nella vita, contano i legami

Tenere statuette di argilla compongono il corpus di opere dal titolo “Trasmigrare” dell’artista argentina Roxana Esposito.

Il termine, carico di malinconica tenerezza, addolcisce l’aspro tema dell’espatrio e conduce, il lettore che si accinga a sfogliare le pagine del presente catalogo, in un cammino nel quale è il cuore a condurre l’intelletto.

Penetrati i fragili confini della materia, lo sguardo si allarga all’interno dell’esistenza di esseri umani, il cui arco della vita apparirà offuscato dall’impercettibile orizzonte dell’attesa. L’artista rinchiude le loro speranze e i loro affanni in corpi dalle superfici imperfette al pari delle loro vite ma invita a scomporne le forme per toccarne l’anima.

E’ ora che il tema del viaggio diventa silente, mentre prepotentemente si rivela quello dell’esistenza. La raffinata coralità con la quale si traduce la “serialità” dell’elemento umano è lo strumento con la quale l’artista perfeziona i sentimenti e li offre alla percezione nella loro gamma più ampia.

La vocazione di Roxana Esposito a narrare l’umanità assomiglia a quella degli uomini che hanno reso grande la sua terra. Così, chi rimanga in ascolto delle sue opere, potrà sentire echeggiare i versi del poeta Luis Borges: “Non sai bene se la vita è viaggio, se è sogno, se è attesa, se è un piano che si svolge giorno dopo giorno e non te ne accorgi se non guardando all’indietro. Non sai se ha senso. In certi momenti il senso non conta. Contano i legami”.

Sono i legami che contano, anche per Roxana Esposito. E’ con la consapevolezza della persistenza del legame nella vita dell’uomo che l’artista stempera il dolore del distacco in nostalgia, diluisce l’asprezza del viaggio in speranza, svuota dallo sgomento le bocche per riempirle di stupore.

Il legame, evocato dalla cultura più profonda ed antica, è quel patrimonio immateriale che i viaggiatori recano in dono e che al termine del viaggio sarà il nutrimento con il quale vivranno, il suono che attutirà il rimbombo del vuoto delle loro enormi valigie di cartone, che renderà confortevoli le piccole nicchie nelle quali si sono riparati.

E’ il legame l’urlo soffocato di Roxana Exposito, anima trasmigrante, alla ricerca delle sue antiche origini, di un corpo da albergare, di un oggetto da animare per rivivere ancora.

Imma Battista, Curatore Sezione Installazioni musicali         

  Biennale d’Arte Contemporanea di Salerno

Attraversare

ATRAVESAR LA HISTORIA ES CRUZAR LA ORILLA DEL MIEDO
PARA SOCAVAR LA FORMA Y AMASAR DEJANDO HUELLAS EN UN GESTO INACABADO QUE INTERPELA,
DESARMARME EN LA MATERIA PARA REUNIR LOS FRAGMENTOS DE QUE ILUMINAN MI ALMA CON UN SIN FIN DE EMOCIONES ENCONTRADAS
ME PERMITO RE.UNIR- ME Y ENRAIZAR EN EL BARRO Y MIRAR
(diario de viaje, 2017)
------------
Attraversare la storia é oltrapassare la sponda della paura per logarare la forma e lavorare l’impasto lasciando tracce in un gesto incompiuto che interpella, sbriciolare la materia per riunire i cocci che illuminano la mia anima con un’infinità di emozioni scontrate.
Mi permetto di ri-unir-mi e mettere le radici sull’argilla e guardare l’infanzia colma di segni come graffi di un istante.
L’imperfezione dell’essere tradotta in argilla come impronte d’infanzie che mettono radici nell’argilla per andare oltre il tempo e lo spazio.(diario de viaje ,2017)